Abruzzismo

abruzzo

Sono un lombardo trapiantato in Abruzzo. Non mi considero abruzzese, ma abruzzista, inteso come amante della terra in cui ormai risiedo da qualche anno, con grande soddisfazione. Negli ultimi giorni l’Abruzzo ha vissuto di tutto – neve, esondazioni, valanghe e terremoti – ci aspettiamo a breve le locuste. Speriamo che la domenica chi sta ai piani alti si riposi veramente e consenta di cominciare a rimettere insieme i pezzi. Io metto le mani avanti e scrivo questo post, cercando di dare un piccolo contributo alla causa.

Non voglio parlare di quello che è successo, voglio parlare delle grandi qualità di questa splendida regione.

Cominciamo dal mare o dalla montagna? Ah già, perché in Abruzzo si va dalle località sciistiche più note del centro Italia alle molte coste che si possono vantare del titolo di bandiera blu. E in mezzo, tra montagna e mare, ci sono un sacco di meravigliosi borghi medievali da visitare, non provo neanche a citarli tutti perché dimenticherei qualche perla del diadema: il bello è che si possono vivere tutti, o quasi, grazie alle bellissime sagre culinarie estive. Senza dimenticare i 3 parchi nazionali, il parco regionale, le riserve statali e regionali che hanno conferito all’Abruzzo il soprannome di “Polmone verde d’Europa”.

Ok, passiamo al cibo, ma cercherò di limitarmi all’essenziale, citando la chitarrina all’abruzzese, la pasta alla mugnaia, le sagne e fagioli, l’agnello cacio e ova, le scrippelle ‘mbusse, la pizza ripiena, i ravioli dolci, il tacchino porchettato, il brodetto di pesce, il baccalà cucinato in mille modi, il parrozzo… oltre ai candidati al nobel della cucina: gli arrosticini, una specialità unica nel suo genere. Il tutto accompagnato da numerosi vini con un rapporto qualità/prezzo decisamente invidiabile.

Tutte queste cose non le ha portate via nessuno, sono ancora qui da godere ed assaporare. Volete fare qualcosa per l’Abruzzo? Pensate alle cose belle che ci sono e condividetele.

Se non ci vivete, venite a visitarlo. Programmate le prossime vacanze in Abruzzo. Aiuterete un’economia francamente un po’ provata dalle ultime disavventure e scoprirete, o riscoprirete, un regione splendida.

Se ci vivete, fate un po’ di marketing territoriale. Lasciate perdere le faccine tristi su FB, è un social, siate social. Condividete idee, pensieri e foto di ciò che vi piace di questa regione, fare venire voglia alla gente di visitarla, fate almeno lontanamente intuire loro che razza di fortuna avete a vivere in un posto così.

Intanto la butto lì, eccovi un bel profilo Instagram dedicato all’Abruzzo.

#iloveabruzzo #abruzzismo

Annunci

Pubblicato il 20 gennaio 2017, in Uncategorized con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: